Maria Elisabetta Alberti Casellati

Maria Elisabetta Alberti, coniugata Casellati e madre di due figli, giurista e docente universitario, è una personalità politica italiana. 

Il 24 marzo 2018 è stata eletta Presidente del Senato della Repubblica per la XVIII legislatura, risultando, con 242 voti, il presidente più votato a Palazzo Madama dal 1994 e la prima donna a ricoprire, nella storia d’Italia, il ruolo di seconda carica dello Stato.

In precedenza, ha ricoperto per due volte la carica di sottosegretario di Stato alla Salute e alla Giustizia ed è stata componente del Consiglio Superiore della Magistratura. 

Esponente storico di Forza Italia, è stata eletta al Senato della Repubblica nelle legislature XII, XIV, XV, XVI, XVII, XVIII. 

Studi e professione

Laureata in Giurisprudenza e in Diritto Canonico, ha esercitato con successo, a livello nazionale e internazionale, la  professione forense, sia nell’ordinamento dello Stato che in quello della Chiesa. 

È stata docente nel settore scientifico-disciplinare IUS/11 "Diritto canonico ed ecclesiastico" presso le Università di Padova e Ferrara, e autrice di due monografie e numerosi saggi in materia di diritto canonico ed ecclesiastico. 

Carriera politica

Ha aderito a Forza Italia fin dalla sua fondazione nel 1994 ed è stata eletta, nella lista del partito, per la prima volta senatrice nello stesso anno nel collegio uninominale di Cittadella.

Nel settembre 1994 è stata delegata parlamentare alla Conferenza internazionale su “Popolazione e sviluppo” tenutasi a Il Cairo e organizzata dal Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione.  

A settembre del 1995 è stata delegata parlamentare a Pechino alla “Quarta conferenza mondiale delle donne”. 

Negli anni è stata componente del Collegio Nazionale dei Probiviri, dirigente nazionale del Dipartimento sanità e vicecoordinatore di tutti i dipartimenti di Forza Italia.  

Durante la XII legislatura è stata segretaria del gruppo parlamentare di Forza Italia al Senato e Presidente della 12ª Commissione Igiene e Sanità. 

Nella XIV legislatura è stata presidente della Commissione Parlamentare Questioni Regionali e poi vicepresidente vicario dei senatori di Forza Italia. Successivamente nel 2004 e nel 2006 ha ricoperto l’incarico di sottosegretario di Stato alla Salute. 

Nel 2006, durante la XV legislatura, è stata di nuovo vicepresidente del gruppo parlamentare di Forza Italia al Senato. In occasione delle elezioni politiche del 2008 è stata riconfermata come senatrice e ha ricoperto l'incarico di sottosegretario di Stato alla Giustizia nel governo Berlusconi IV. 

Nel giugno del 2008 ha rappresentato il Governo italiano al G8 di Tokyo. 

Nella XVII legislatura è stata rieletta a Palazzo Madama e ha fatto parte del Consiglio di Presidenza del Senato come Segretario d'Aula.

Il 15 settembre 2014, il Parlamento, riunito in seduta comune, l’ha eletta al Consiglio superiore della magistratura quale membro laico. Al CSM è stata componente della Quinta Commissione e presidente della Terza. 

Alle elezioni politiche 2018 è stata riconfermata senatrice nel collegio uninominale di Venezia. E il 24 marzo è stata eletta Presidente del Senato. 

Il 18 aprile 2018 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il mandato esplorativo per verificare la possibilità di un accordo tra centrodestra e Movimento 5Stelle al fine di formare una maggioranza parlamentare e poter costituire un governo.

Presidenza del Senato 

Il suo mandato alla Presidenza del Senato è stato caratterizzato – oltre che dalla valorizzazione delle competenze e del ruolo del Senato e dalla difesa della centralità del Parlamento – da un impegno costante per sensibilizzare istituzioni, politica e opinione pubblica rispetto a temi a carattere economico quali la difesa delle attività produttive e commerciali, dei lavoratori e dell’occupazione anche giovanile in particolare durante l’emergenza pandemica e la guerra russo-ucraina, la sostenibilità ambientale; e a carattere sociale come il fenomeno della denatalità; il contrasto alla violenza di genere; la tutela delle “fragilità” e delle disabilità; la diffusione della conoscenza del patrimonio artistico e culturale nazionale.  

Numerose sono state le visite sui territori italiani (in Calabria, Umbria, Belluno, Venezia, Marche, a Genova per il crollo del “Ponte Morandi”, sulla Marmolada, nel Polesine) per portare la solidarietà alle comunità colpite da calamità naturali quali maltempo e siccità e per denunciare i drammatici effetti del dissesto idrogeologico in tutto il Paese.

Nel corso del mandato, ha sostenuto l’introduzione della tutela dell’ambiente in Costituzione e istituito il concorso “Senato e Ambiente” rivolto ai ragazzi delle scuole. 

Di particolare rilievo anche l'attività internazionale che si è sviluppata mediante numerose missioni di rappresentanza all’estero e per il rafforzamento della cooperazione in Estonia, Kosovo, Romania, Stati Uniti, Azerbaigian, Inghilterra, Libano, Russia, Colombia, Qatar, Francia, Polonia, Giappone, Germania, Slovenia, Algeria.  

Da Presidente del Senato ha instaurato un forte e costante rapporto con le istituzioni europee (ha incontrato a Bruxelles il Presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen, a Roma e a Brno il Presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola), con gli alleati del Patto Atlantico e con i più alti rappresentanti parlamentari e di governo di tutto il mondo. 

Nell’ottobre del 2021 ha presieduto il settimo vertice internazionale dei Presidenti dei Parlamenti dei Paesi del G20 (P20) che si è tenuto presso il Senato italiano.  

Iniziative e onorificenze

Nel febbraio del 2019 ha istituito “Senato&Cultura”, una rassegna finalizzata a valorizzare, di concerto con la Rai, le “eccellenze italiane” del mondo artistico e sociale attraverso eventi culturali organizzati ogni primo sabato del mese nell’Aula Legislativa di Palazzo Madama e aperti al pubblico, così da avvicinare i cittadini alle istituzioni. Per l’impegno in ambito culturale nel 2019 è stata insignita del premio speciale “I Sassi” di Matera.  

Sempre nell’aprile 2019 ha organizzato in Senato il seminario “Il tempo cambia, è tempo di cambiare” invitando a Palazzo Madama la giovanissima attivista ambientale Greta Thunberg al fine di sensibilizzare le istituzioni sulla necessità di intervenire sui cambiamenti climatici. 

A novembre del 2019 ha ideato e organizzato a Palazzo Madama il “Premio al Volontariato”, la prima onorificenza istituzionale dedicata al mondo dei volontari italiani. Nel corso della prima edizione, è stata insignita del riconoscimento di “Testimone del Volontariato Italia” assegnato da Fiaba Onlus e dall’Associazione Il Testimone del Volontariato. Nell’ottobre del 2020 ha ricevuto anche la targa di “Presidente degli Ambasciatori di Padova, Capitale europea del volontariato”.  

Nel corso dell’anno 2020, contrassegnato dalla drammatica pandemia da Covid19, ha promosso il disegno di legge per l’istituzione della “Giornata dei Camici Bianchi” quale doveroso riconoscimento al personale medico-sanitario italiano per il lavoro svolto a tutela della salute di tutto il Paese, e ha favorito un’analoga iniziativa dedicata ai “Lavoratori dello Spettacolo”. 

A marzo del 2021 nella Sala delle Donne della Camera dei Deputati, che ricorda le prime donne entrate a far parte della storia delle istituzioni della Repubblica Italiana, è stato collocato un suo ritratto a perenne ricordo della sua storica elezione alla Presidenza del Senato.

 

 

Torna all'inizio del contenuto