La semplificazione per la raccolta delle firme

La disposizione, approvata in prima lettura alla Camera dei deputati, semplifica gli adempimenti preparatori per la raccolta delle firme, ampliando la platea dei soggetti legittimati ad autenticare le firme.

La norma

La disposizione è stata introdotta con un emendamento approvato in prima lettura alla Camera ed è inserita all’art. 2, comma 2 lett. b), della proposta di legge A.S. 859. In particolare, si stabilisce che, in aggiunta ai soggetti già previsti dalla disciplina vigente, possono autenticare le firme per i referendum anche i cittadini designati dai promotori. Gli autenticatori designati da almeno tre promotori del referendum e comunicati in un elenco alla Corte di appello, devono avere gli stessi requisiti dei Presidenti di seggio elettorale.

I lavori parlamentari

La disposizione ha costituito oggetto dell’emendamento 2.101 Macina (M5S), alla proposta di legge A.C. 543-A (deputati Nesci ed altri), concernente modifiche alla legislazione sullo svolgimento delle operazioni elettorali.

L’emendamento 2.101 Macina è stato approvato dall'Assemblea della Camera nella seduta dell’11 ottobre 2018, (testo cfr pag.15 e ss): Esame dell'articolo 2 - A.C. 543-A) ... 13 - MAGI Riccardo (MISTO-+E-CD) ... 15 

Il provvedimento è ora all'esame dell’altro ramo del Parlamento: A.S. 859 “Disposizioni in materia di operazioni elettorali” titolo breve - assegnato alla I^ Commissione Affari Costituzionali il 17 ottobre 2018, iniziato l'esame il 14 novembre 2018.

Iter in I^ Commissione in sede referente

I Dossier di documentazione delle Camere

Torna all'inizio del contenuto